Home Finanza Metodi per ricaricare la PostePay

Metodi per ricaricare la PostePay

agosto 23, 2017
carta postepay

Le carte Postepay, come molti di voi sapranno, fanno parte della categoria delle carte prepagate ricaricabili, disponibili presso gli uffici postali di tutta Italia.

Si tratta di carte ricaricabili molto pratiche, già disponibili da molto tempo, ultimamente implementate con la tecnologia contactless, per i propri acquisti, sia via POS, sia online, sia per prelievare contante agli sportelli automatici, con commissioni variabili a seconda dei casi, sia in Italia che all’estero.

Vi sono vari tipi di carte Postepay con diverse caratteristiche, si dividono in due categorie fondamentali: le carte Postepay normali e le carte Postepay evolute, le prime marchiate Visa Electron e le altre Mastercard.

Caratteristiche postepay evolution e standard

postepay evolutionDella prima categoria, la più usata è la Postepay Standard, quella classica di colore giallo, e presenta le seguenti opzioni di ricarica (che sono comuni anche alle altre carte dello stesso gruppo, quelle non evolute per intenderci):

  • ricarica presso gli uffici postali abilitati mediante POS e operatore allo sportello;
  • ricarica mediante operazione effettuata allo sportello Postamat;
  • ricarica a domicilio con l’ausilio di un portalettere abilitato ai servizi bancari di base e dotato di POS portatile;
  • collegandosi al sito web di Poste Italiane (essendo preventivamente registrati);
  • mediante l’App PosteMobile disponibile per Smartphone con i sistemi operativi Android o iOS (o collegamento al sito web delle Poste Italiane tramite browsner per gli smartphones con sistema operativo Windows);
  • mediante ricarica a terminale presso le ricevitorie SISAL;
  • in tabaccheria presso gli esercizi che espongono l’avviso di ricarica Postepay;
  • tramite servizio home banking per i correntisti della Banca Popolare di Milano;
  • tramite PayPal, il noto servizio di intermediazione finanziaria usato per gli acquisti online o per trasferimenti di danaro.

Le carte evolute (Postepay Evolution e Postepay Evolution Business) in aggiunta alle opzioni indicate sopra, offrono anche possibilità di ricarica mediante bonifico bancario, essendo le Evolution dotate di codice IBAN che ne amplia le funzionalità.

Vediamo nel dettaglio le modalità di ricarica e i relativi costi.

Ricarica mediante operazione presso l’ufficio postale

ufficio postalePer le operazioni presso lo sportello si può prenotare sul sito delle Poste il ticket per effettuare movimenti finanziari, o prenderlo una volta giunti all’ufficio postale.

Qui ci sono quattro tipi di ricarica possibili:

  1. versamento di una cifra in contanti che costituisce l’importo della ricarica;
  2. scalando l’importo dalla propria carta BancoPosta;
  3. prendendo soldi dal proprio conto corrente postale;
  4. scalando denaro dal proprio libretto postale Smart.

Per questo tipo di operazioni è generalmente richiesta l’esibizione di un documento di identità in corso di validità e del codice fiscale.

Va ricordato che la ricarica PostePay può essere fatta all’ufficio postale anche da un parente del titolare della carta previa presentazione dei documenti di riconoscimento (carta di identità e codice fiscale sia della persona delegata che del titolare della carta) e indicando il numero della carta Postepay per cui è richiesta la ricarica.

Il costo per ogni singola operazione fatta presso lo sportello all’ufficio postale ha il costo di 1€

Ricarica mediante operazione ATM Postamat

postamat atmGli sportelli automatici Bancomat siti nelle pertinenze degli uffici postali, noti come Postamat, rendono possibile la ricarica delle carte Postepay, magari in orari in cui gli sportelli sono chiusi o in condizioni di particolare affollamento degli uffici.
L’operazione si può fare inserendo direttamente una qualsiasi carta di credito o debito accettata (Carta BancoPosta, altra carta Postepay, o altra carta di credito Maestro, Mastercard, Vista o Visa Electron).

È sufficiente digitare il codice pin della carta da cui si intende prelevare il saldo e scegliere l’opzione Ricarica PostePay. A questo punto bisogna digitare il numero della PostePay da ricaricare e confermare l’operazione per finalizzare.

Il costo per ogni singola operazione presso gli sportelli automatici ATM Postamat è di 1€ se si utilizza un’altra PostePay, 2€ se si utilizza una carta PagoBancomat e 3€ se si usa una carta Maestro, Mastercard, Vpay, Visa o Visa Electron.

Ricarica della Postepay a domicilio

ricarica domicilioUn’altra opzione molto comoda che può essere fatta sollecitando l’operazione di ricarica ad un portalettere dotato di POS portatile e abilitato, seguendo le procedure previste presso l’ufficio postale ma con l’innegabile comodità di poterlo fare al proprio domicilio.

Bisognerà comunicare al postino una carta da cui prelevare i soldi e il numero della PostePay da ricaricare e in pochi passaggi tutto sarà risolto.

Il costo di ricarica fatta dal portalettere a domicilio ha il costo di 1€ per ogni operazione

Ricarica mediante collegamento al sito delle Poste Italiane

sito posteCollegandosi al sito ufficiale di Poste Italiane è possibile effettuare operazioni di home banking, quindi anche la ricarica Postepay. Una volta fatto il login (è necessario naturalmente essere registrati) si accede al sito e bisogna far riferimento alla voce BancoPosta, e poi una volta entrati si deve andare a cliccare sulla voce Postepay.

Qui si potrà effettuare la ricarica prendendo i soldi dal proprio conto corrente postale, o da altra Postepay, facendo uso della carta BancoPosta e del lettore delle Poste Italiane e seguendo le istruzioni a video.
Il costo di ogni singola operazione di ricarica effettuata sul sito delle Poste Italiane o sul sito PostePay ha il costo di 1€.

Caricare mediante le App di Poste Italiane

app postepayPer chi ha la necessità di svolgere queste operazioni da smartphone c’è l’App PostePay (per Android e iOS), che permette di ricaricare una Postempay prendendo i soldi da un’altra Postepay, mentre l’App BancoPosta permette la ricarica delle PostePay da conti correnti delle Poste o da carte associate al conto.

Usando la App Risparmio Postale è possibile trasferire somme di danaro dal proprio libretto postale alla PostePay comodamente dallo smartphone, è necessario però avere attivate e abilitate le funzioni online per il proprio libretto.

L’App Postemobile, infine, per i possessori di chip telefonici delle Poste Italiane, offre la possibilità di ricaricare la propria PostePay, o quella di altre persone, fornendo il numero della Postepay dove inviare denaro. Questo metodo è molto comodo per chi, avendo necessità ricaricare la Postepay, non ha la disponibilità di una connessione ad internet.

Sarà sufficiente associare il conto BancoPosta o un’altra PostePay come sistema di pagamento per la SIM PosteMobile e utilizzare i servizi inclusi nel menù SIM del telefono sfruttando la linea del proprio cellulare.
Il costo mediante App è pari a 1€.

Ricarica Postepay presso le ricevitorie SISAL

ricevitore sisalUn ulteriore metodo è disponibile presso le ricevitorie SISAL abilitate. Sono disponibili ricariche da effettuare versando contanti dall’importo minimo di 1€ fino all’importo massimo di 997,99€.

Per ricaricare è necessario esibire il codice fiscale del proprietario della carta e conoscere il numero della PostePay. Potrebbe essere richiesto il codice fiscale personale se la ricarica è per conto terzi.
Il costo è di 2€ per ogni operazione.

Ricarica in tabaccherie convenzionate con la Banca ITB

Nelle tabaccherie convenzionate con la Banca ITB, riconoscibili grazie all’adesivo che presenta i marchi Banca ITB e PostePay, è possibile caricare denaro con modalità analoghe a quelle usate presso le ricevitorie SISAL.
Analogamente anche il costo di ciascuna operazione è pari a 2€

Caricare Postepay online per i correntisti Banca Popolare di Milano

banca popolare milanoI titolari di un conto corrente presso la Banca Popolare di Milano (e banche associate) possono effettuare ricariche Postepay tramite il sito di home banking online di questo gruppo finanziario inserendo semplicemente il numero di carta Postepay e l’importo che si intende trasferire. Il costo è di 2€ per ogni operazione.

Collare paypal a postepay per caricarla

paypal e postepayTutti coloro che operano con Paypal possono ricaricare la carta PostePay trasferendovi il saldo del conto Paypal. È sufficiente associare la carta Postepay al conto Paypal e il gioco è fatto. A questo punto sarà sufficiente scegliere l’importo desiderato dal saldo Paypal ed effettuare il trasferimento.Per il trasferimento di fondi via PayPal, il costo è di 1€ per ciascuna accredito il cui importo massimo è di 99,99€, mentre se l’importo è superiore ai 100€ l’operazione è gratuita.

Le Postepay Evolution e la ricarica mediante bonifico

Infine, in aggiunta ai sistemi summenzionati, grazie al fatto di essere dotate di proprio codice IBAN, le carte Postepay Evolution e Evolution Business possono essere ricaricate anche con bonifico bancario, basta usare il codice IBAN stampato direttamente sul retro della carta. Sono possibili bonifici SEPA (per i paesi europei) mettendo così a disposizione dei titolari di questo tipo di carte un’ulteriore flessibilità grazie alla possibilità di bonifico in entrata, proprio come se si facesse il trasferimento fondi verso un conto corrente a sé stante.

Articoli correlati

Leave a Comment